BIOGRAFIA

 

In breve

Artista poliedrico e istrionico di origini siciliane. Racconta con lucida ironia la nostra epoca con una scrittura d’autore fuori dagli schemi. Esprime un cantautorato intriso di veridicità e racconti sonori capaci di tessere trame sofisticate, imbracciando musiche balcaniche spruzzate dal blues, dal jazz  ed altre contaminazioni, dalla forma imprevedibile di un’avanguardia multietnica e priva di confini. Già vincitore del Premio Bruno Lauzi “canzone d’autore” 2016 e candidato nel 2015 alle Targhe Tenco e ad altri innumerevoli premi. Il suo secondo album “Pericoli e Ballate” esce il 24 marzo 2017 e a distanza di un mese il singolo “Se non m’inganno” va in rotazione su Radio Capital. Con il brano “Albergo Sognatori”, estratto da “Il Palliativo”, firma le musiche del film-corto del regista romano Andrea Natale, vincendo nel giugno 2017 il premio per le musiche al concorso cinematografico americano Southern Short Award.  Attualmente è impegnato nelle date live di “Pericoli e Ballate Tour” che lo porterà in giro per tutta l’Italia.

“Salamone” è il nome d’arte di Vincenzo Salamone, cantautore di origini palermitane. La musica e l’arte in genere iniziano ad incuriosirlo sin da bambino, all’età di nove anni inizia a studiare solfeggio e pianoforte e successivamente chitarra e canto. Si cimenta sin dall’adolescenza nella scrittura e in seguito si interessa alla sperimentazione attiva per la musica di varie matrici. Fonda il suo primo gruppo all’età di vent’anni, cominciando ad esibirsi nei locali e nei teatri della Sicilia. Nel frattempo si laurea in legge ma decide di dedicarsi con sempre maggiore intensità all’attività musicale, riuscendo a farsi notare come cantautore.  Nel 2012 si fa conoscere ad un pubblico più vasto e attento alle nuove realtà cantautorali suonando al Teatro Garibaldi Aperto nel capoluogo siciliano, dove presenta in anteprima alcuni dei suoi lavori, condividendo il palco con Dimartino. Nel 2013 suona al Pride Nazionale ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo in apertura a Roy Paci. Nel 2014 rappresenta la Sicilia alla Biennale MarteLive 2014, esibendosi davanti al pubblico romano. Successivamente fa da apripista al sassofonista partenopeo Daniele Sepe, in occasione del Premio Musica e Cultura (Cinisi), al memorial Peppino Impastato. Nel 2015, dopo aver lasciato Palermo e abbandonato definitivamente la carriera legale per dedicarsi completamente al suo progetto, approda a Roma, dove dà alle stampe il suo primo disco ufficiale dal titolo “Il Palliativo” (IndieSoundsBetter/Believe Digital), cui segue un tour di oltre 80 date in tutta Italia. Il disco viene selezionato dalla giuria del Club Tenco e candidato nella sezione “miglior opera prima” delle Targhe Tenco 2015 ed ha un notevole riscontro nei confronti del pubblico e degli addetti ai lavori, meritandosi ottime recensioni. Escono due singoli: “Il gatto di Giorgio”, il cui video viene presentato in anteprima nazionale su Repubblica Tv, e “Un pescatore di sorrisi” (brano già finalista al Premio botteghe d’Autore 2015 e inserito nel disco ufficiale del premio), cui Rockerilla dedica l’anteprima esclusiva. Questo secondo brano entra in rotazione sulle radio nazionali e il videoclip è finalista all’Ulisse Film Fest e al MizzicaFilm. Nel 2015 è candidato al Premio Targhe d’Autore Controcorrente. Nel 2016 (come nel 2017 e nel 2018) rientra tra i migliori progetti finalisti scelti per approdare sul palco del concertone del Primo Maggio di Roma, per 1M NEXT. Collabora al progetto “Silvia Lo-Fi Vol. 1. L’Italia canta Carboni 7 giorni su 7”, uscito a gennaio, con la cover “Pregare per il mondo” in omaggio a Luca Carboni. A maggio è protagonista di “Un disco per l’Europa” ed “Il Palliativo” entra in rotazione in più di cento radio europee che aderiscono al progetto. Nello stesso anno è candidato, per la seconda volta, alle Targhe d’Autore Controcorrente ed infine si aggiudica il  Premio Bruno Lauzi “Canzone d’Autore”, consegnatogli da Ron, vincendo anche i premi per il “Miglior Testo” e la “Migliore Musica” con il brano “Paris”. A settembre 2016 suona in apertura al live di Paolo Benvegnù, all’interno del cartellone del NuovoMei, che include artisti del calibro di Daniele Silvestri, Tullio De Piscopo e Omar Pedrini. Il brano “Un pescatore di sorrisi” viene inserito nella raccolta Libellula Music Christmas Compilation (pubblicata su Rockerilla), sia nel 2016 che nel 2017. Con il brano “Albergo Sognatori” firma la colonna sonora del film-corto del regista romano Andrea Natale, vincendo nel giugno 2017 il premio per la musica al concorso cinematografico americano Southern Short Award ed aggiudicandosi varie nomination in molti premi cinematografici nazionali ed internazionali, tra cui il David di Donatello 2017 e il London International Filmmaker Festival of World Cinema 2017.  Il suo secondo album “Pericoli e Ballate” esce il 24 marzo 2017 e a distanza di un mese il singolo “Se non m’inganno” va in rotazione su Radio Capital. Attualmente è impegnato nelle date live di “Pericoli e Ballate Tour”, viaggio musicale multiforme che lo porterà in giro per tutta l’Italia con tanti (e sempre diversi) musicisti .